Cronache di EA - La lettera di Mike Morra EA


Cronache di EA - La lettera di Mike Morra

Quello che sta accadendo in queste settimane è un evento unico e senza precedenti, una crisi che non sappiamo esattamente quando passerà e quando ci permetterà di tornare alla nostra vita quotidiana. Non sappiamo nemmeno se tutto sarà come prima.
 
Certo, vivere in uno stato di polizia in cui viene cronometrato il tempo che passiamo fuori casa e per cui deve esserci una giustificazione scritta non aiuta. Fa desiderare ancor di più quel diritto, costituzionalmente sancito, alla libertà individuale di cui dovremmo essere dotati fin dalla nascita. Quella di uscire quando ci va per andare dove vogliamo, senza dover pagare per gli errori di un sistema impreparato alle emergenze.
 
Anche se non sta a me giudicare l’idoneità delle misure adottate, tuttavia, bisogna ricordare che quando è scoppiata l’epidemia di Coronavirus in Cina, tutti i politici italiani hanno dichiarato che il sistema sanitario nazionale fosse uno dei migliori al mondo e sarebbe stato in grado di far fronte all’eventuale criticità.
 
La realtà ha dimostrato che ci è riuscito per meno di due settimane al Nord e successivamente si è dovuto ricorrere ad uno stato di coprifuoco con “arresti domiciliari.
Ribadisco, non è mio compito dare giudizi, ma certamente faccio fatica a definire quella che è ormai da giorni una situazione al collasso come un “sistema preparato a far fronte a qualsiasi emergenza”.
 
Le Escort che gestiscono il loro profilo su questo sito sono state tra le prime ad annunciare l'interruzione della propria attività per evitare la diffusione del Coronavirus. Un atto di coscienza verso loro stesse e la collettività. Questo nonostante la sentenza 141/19 della Corte Costituzionale, abbia decretato che la scelta di “vendere sesso” abbia alle sue radici, nella maggior parte dei casi, fattori che limitano la libertà di “autodeterminazione dell’individuo”, riducendo drasticamente le scelte, le “opzioni esistenziali”.
 
Verrebbe dunque da chiedersi come mai tali soggetti con delle “limitatissime opzioni di autodeterminazione”, siano state le prime, ancor prima del Decreto del Presidente del Consiglio, a comunicare la sospensione della propria attività nonostante la loro professione non rientrasse (non potendo rientrarvi in quanto non riconosciuta né tutelata da quello stesso Stato che ci aveva tranquillizzati sull’epidemia cinese) tra le attività di cui è stata decretata la chiusura a partire dall’11 marzo.
 
Avevamo già fatto presente quanto fosse risibile sostenere che le escort che rispondono alle proprie recensioni e svolgono la propria attività in modo estremamente professionale, fossero state definite come soggetti con delle “ridotte opzioni esistenziali” ed oggi, il loro comportamento più che responsabile, ne è l’ennesima dimostrazione.
 
I fatti a cui oggi ci troviamo di fronte, valgono molto di più delle recensioni stesse, introdotte da Escort Advisor proprio allo scopo di offrire maggior sicurezza ai clienti delle escort e per tutelare queste ultime nella loro professione.
 
Mai come in questo momento è importante essere uniti per tornare il prima possibile più forti di prima alle attività che più ci piacciono e che ci fanno stare bene.
 
Quando questo accadrà, anche le Escort saranno pronte ad accogliere con rinato calore i loro clienti e questi ultimi le ritroveranno dove le hanno lasciate, recensite come sempre sulle pagine di Escort Advisor.
 
Per il momento ho voluto creare qui sul nostro sito questo spazio: un punto di incontro in cui poter condividere le storie di questi giorni particolari delle escort e dei loro clienti, ma non solo.
 
Raccontare il sesso e l’intimità, il piacere, in questo momento che certamente rimarrà storico, può aiutare a lenire questo forte senso di incertezza e impotenza davanti alla negazione della libertà individuale.
 
Nulla può distrarci meglio, come parlare di uno dei bisogni primari preferiti dell’uomo, se non il più bello...
 
Un caro saluto, Mike Morra

Escort Advisor attiva un contenitore per raccontare come vivono la vita ed il sesso gli utenti in questo momento particolare. Anche le professioniste del sesso a pagamento diranno la loro su come si sono adattate a questa situazione.

L’invito a partecipare è esteso a tutti, raccontaci la tua storia, clicca qui.
Unica regola: narrare come si sta vivendo il sesso in questo periodo difficile.


Tutti i contenuti del "Le Cronache" sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Escort Advisor, l'indirizzo www.escort-advisor.com e l'autore del contenuto.